Riappropriarsi degli spazi: il Parco dei Triangoli

Decliniamo il termine cultura a livello territoriale.

– Francesco Pessina

In questa puntata di Focus Periferie ci occupiamo di un’iniziativa, portata avanti da un gruppo di giovani intraprendenti, che denota un forte intento di affermazione e di autorealizzazione: l’associazione Argot. Ce ne parla Francesco Pessina, assieme alla nostra Elena Inversetti.

L’associazione Argot è nata a gennaio 2021 grazie all’iniziativa di un gruppo di under 25, e opera nel campo dell’informazione sociale. Il fulcro dell’attività di questo gruppo non è la mera volontà di tornare a vivere il territorio dopo i lockdown, ma di appropriarsene, lasciando al contempo un’impronta indelebile nell’identità del quartiere e dei suoi residenti.

I membri di Argot, infatti, operano nel quartiere Gallaratese, una realtà testimone della “Milano a due velocità” – prospero durante gli anni Novanta, grazie anche alla presenza del centro commerciale Bonola, oggigiorno inizia a sentire gli effetti del tempo, come indicato dal fatto che è una delle zone cittadine con la più alta concentrazione demografica di over 65.

Insieme ad altre associazioni, Argot si prende cura del Parco dei Triangoli, in via Adolfo Omodeo, operando al fine di fornire uno spazio di aggregazione giovanile, e occupando così uno degli spazi vuoti lasciati dalle istituzioni: nonostante la qualità della vita nel quartiere sia buona, infatti, la carenza di spazi per i giovani e di attività extrascolastiche è una delle criticità più sentite dai residenti.

Portabandiera dell’attività dell’associazione sono i “Gradoni” del Parco dei Triangoli, prima fatiscenti blocchi di pietra grigia logorata dalle intemperie, oggi palco coloratissimo che invita la gioventù della zona a partecipare alle attività proposte dalla rete di associazioni di cui Argot fa parte.
Tra queste, ricordiamo il centro di aggregazione giovanile della cooperativa “Nuova Umanità”: Martina Testa ci rivela qualche informazione sui programmi in serbo per i giovani tra gli 11 e i 18 anni che vogliano partecipare alle attività organizzate nel Parco dei Triangoli per la stagione estiva, con tanto di eventi speciali ogni giovedì pomeriggio.

E a proposito di eventi, a partire da sabato 18 giugno, per quattro sabati consecutivi, l’associazione Argot ha ideato una rassegna culturale nella forma di concerti dal vivo, dove figure note a livello territoriale come i Pulsation e le Ginger Bender si mescolano con talenti in erba; questi ultimi sono tra l’altro invitati a iscriversi agli “open mic”, che si terranno tra le 19 e le 21 delle quattro giornate di eventi, momenti pensati non solo per stimolare i giovani a creare arte, ma anche per educarli grazie al confronto e alla condivisione di spazi con i professionisti.

Creare cultura, infatti, non può prescindere dall’associarsi, dalla condivisione e dall’influenza del territorio: gli spazi e i momenti vissuti anche dai più grandi artisti mai esistiti sono essenziali per capire le loro opere.

Per ulteriori informazioni visitate il sito dell’associazione o i loro profili social.

Altri eventi in programma

La Consulta Periferie Milano ha organizzato PeriferiArtMi, un’iniziativa volta alla (ri)scoperta di antichi borghi e nuovi quartieri mediante “percorsi di emancipazione”, come definiti da Walter Cherubini, presidente di Consulta Periferie Milano.

Si segnala in quest’ambito l’itinerario che coinvolge, tra il 17 e il 19 giugno, l’antico comune di Cascenzago, museo dei Cappuccini, ed ex municipio di Cascenzago, particolarmente significativo poiché ricorre il centenario degli antichi comuni milanesi.

Come sempre, maggiori informazioni sono disponibili sul sito dell’associazione.

More Episodes

Reviews for Riappropriarsi degli spazi: il Parco dei Triangoli

There are currently no reviews for Riappropriarsi degli spazi: il Parco dei Triangoli
Scroll to top