Mio Carissimo e Maledetto Cibo

Miei Carissimi Milanesi,
oggi affrontiamo un tema molto delicato, che vede coinvolte un numero considerevole di persone su tutto il territorio nazionale: i disturbi alimentari.
Negli ultimi anni i disturbi del comportamento alimentare sono decisamente aumentati, specialmente tra gli adolescenti, poiché il nuovo ideale di bellezza diventa sinonimo di magrezza.
Questo fenomeno viene aggravato dai vari social network, in primis Instagram, in cui influencer, modelle e personaggi pubblici pubblicano foto dei loro corpi “perfetti”, adatti ad indossare qualsiasi tipo di vestito, contribuendo così ad alimentare una concezione sbagliata del concetto di bellezza.

Nella società contemporanea, infatti, è il corpo che acquisisce importanza a scapito della persona. Insomma, viviamo in un mondo dove apparire è più importante che essere.

Ma avete mai pensato alle conseguenze che questi stereotipi di bellezza possono avere sugli adolescenti o semplicemente su persone che non si trovano a proprio agio all’interno del proprio corpo?

A parlare con noi, la Dottoressa Martina Tramontano, psicoterapeuta e Direttore Operativo della Clinica “Centro Disturbi Dell’Alimentazione” di Milano.

“Viviamo all’interno di un sistema culturale che tende molto a fare commenti sull’aspetto fisico e questi commenti possono essere interpretati in modo diverso da persone che hanno delle vulnerabilità.
Ovviamente anche questo aspetto incide e può portare a cambiare i propri comportamenti”.

Martina Tramontano

I disturbi alimentari consistono in disfunzioni del comportamento alimentare e/o in comportamenti finalizzati al controllo del peso corporeo, che danneggiano la salute fisica e psicologica.
Tra i più diffusi: Anoressia, Bulimia e Disturbo da alimentazione incontrollata.

“I ricercatori ancora oggi stanno compiendo studi per capire quali sono delle cause di questi disturbi, per il momento l’ipotesi più accreditata è che ci sia una moltitudine di fattori generali e individuali, ma anche una predisposizione genetica.
Sicuramente il focus centrale è un’eccessiva valutazione che si da al controllo del proprio corpo, del proprio aspetto fisico, del peso e dell’alimentazione”.

Martina Tramontano

I campanelli d’allarme sono di varia natura: possono riguardare comportamenti legati direttamente al cibo, come iniziare una dieta; oppure comportamenti legati all’aspetto fisico, come guardarsi continuamente allo specchio e indossare vestiti che mascherano il proprio corpo.
Il caso più preoccupante riguarda l’ isolamento sociale poiché l’individuo in questione tende a chiudersi in se stesso, si vergogna e, nella maggior parte dei casi, sfocia nella depressione.

In Italia i disturbi alimentari riguardano più di tre milioni di persone, di cui il 95,9% sono donne e il 4,1% uomini. Ma il dato davvero preoccupante è che nella maggior parte dei casi queste patologie si manifestano tra i 12 e i 25 anni.
L’adolescenza, infatti, ha a che fare con i cambiamenti corporei e molto spesso ci si ritrova un corpo che non sembra appartenerci.
Inoltre, questa è l’età del confronto in cui nasce il grande timore di non piacere, di non sentirsi parte del gruppo e, soprattutto, si sviluppa l’idea secondo cui se sei magra puoi piacere di più alle persone.

Miei Carissimi Milanesi, i disturbi del comportamento alimentare sono un problema serio che non deve assolutamente essere sottovalutato.
Si tratta fondamentalmente di un disturbo psicologico che ha bisogno di un trattamento da cui non si può uscire da soli.

Grazie per averci seguito, non perdetevi la prossima puntata, mercoledì 9 marzo, sempre in diretta su https://www.milanoallnews.it/diretta/ dalle ore 19:30 alle 20.
Potete riguardare le vostre puntate preferite cliccando qui.

More Episodes

Reviews for Mio Carissimo e Maledetto Cibo

There are currently no reviews for Mio Carissimo e Maledetto Cibo
Scroll to top