Mia carissima… Area B

Miei Carissimi Milanesi,

torniamo a parlare di Area B nei nostri studi con Davide Borghi, Consigliere del Municipio 4 (PD), Massimo Bonini, Segretario generale CGIL Milano e in collegamento Edoardo Dubini, architetto e fondatore di MuoverMI.
Premessa dovuta: Area B coincide con gran parte del territorio milanese ed è una zona a traffico limitato con divieto di accesso e circolazione per i veicoli più inquinanti, attiva da lunedì al venerdì dalle 7:30 alle 19:30.

La cittadinanza è piuttosto divisa sul tema di Area B, per questo motivo abbiamo ospitato nel nostro dibattito le tre principali posizioni: diffidente, favorevole e contrario.

Cosa pensa Massimo Bonini di Area B?

Bonini sostiene che il provvedimento vada contro i lavoratori, indipendentemente dalla più che condivisibile tematica legata all’ambiente.

Molte persone vivono in periferie dove non c’è una sufficiente copertura dei mezzi pubblici e, finché non si arriva a un servizio pubblico capillare ed efficiente, non si può penalizzare chi sostanzialmente è costretto a raggiungere il posto di lavoro con la propria auto.
Per Bonini Area B infatti è un provvedimento classista e discriminante.

Inoltre sottolinea la criticità nell’obbligare intere famiglie a cambiare il proprio mezzo in un periodo storico in cui la situazione economica risente notevolmente delle recenti crisi internazionali.

Bonini e la CGIL stanno ultimando una richiesta d’incontro con il Comune di Milano insieme a CISL e UIL, anche se il Sindaco Sala non sembra volere fare marcia indietro.

«Siamo assolutamente d’accordo ad avviare politiche vere e partecipate di sostenibilità – dice Bonini – ma la domanda che bisognerebbe farsi è chi paga queste politiche? Sostenibilità ambientale e sostenibilità sociale devono andare di pari passo.»

Cosa pensa Davide Borghi di Area B?

Davide Borghi sostiene favorevolmente Area B e sottolinea le deroghe che ha introdotto il Comune di Milano per aiutare coloro che sono interessati alle limitazioni.
È un provvedimento fondamentale per contrastare l’inquinamento dell’aria e per arrivare il più presto possibile al famoso modello della città dei 15 minuti.

Riconosce però i limiti dei parcheggi di interscambio (ben 14 sono dentro Area B) affermando che, oltre a spostare le telecamere dopo i parcheggi ove possibile, è necessario intensificarli.

Cosa pensa Edoardo Dubini di Area B?

Dubini è fondatore di MuoverMI, un movimento a favore della possibilità che ogni cittadino ha di potersi muovere come meglio crede all’interno della città di Milano, di conseguenza è totalmente contrario alle limitazioni del provvedimento.

È molto critico con l’amministrazione comunale e sostiene che l’obiettivo della città dei 15 minuti sia un goffo tentativo di scimmiottare altre metropoli europee, più servite, come Londra.

Dubini non crede che sia un provvedimento adeguato a contrastare l’inquinamento in città e lo definisce a sua volta classista e discriminante.

Miei Carissimi Milanesi, un dibattito pluralistico era fondamentale per approcciare al meglio Area B, ma certo non basterà a placare le polemiche di tanti automobilisti e di molti comuni dell’hinterland…noi di Milano AllNews certamente continueremo a parlarne quindi continuate a seguirci.

di Lorenzo Masieri

More Episodes

Reviews for Mia carissima… Area B

There are currently no reviews for Mia carissima… Area B
Scroll to top