Il verde dell’accoglienza nel cuore di Milano

«Nel donarsi alle persone si riceve molto di più»

Gloria Mari

Il 27 maggio insieme ad Elena Inversetti, conduttrice di Focus Periferie e Walter Cherubini, presidente Consulta Periferie Milano, abbiamo visitato il Centro Nocetum. In pieno quartiere Corvetto, lungo la strada che dal cemento dei palazzi di edilizia popolare, passata una rotonda, si getta nel verde che porta verso l’Abbazia di Chiaravalle. Qui sorge il Centro Nocetum grestito dall’associazione omonima, fondata nel 1998 da Gloria Mari e suor Ancilla Beretta, premiata nel 2011 con la civica benemerenza dell’Ambrogino d’oro.

I luoghi di Nocetum

È Gloria Mari ad accompagnarci nel verde di Nocetum. Entriamo, passando accanto alla storica Chiesetta di Nosedo, e scopriamo le diverse strutture e attività che negli ultimi 20 anni hanno contribuito al bene comune del quartiere: la cascina, dove Gloria Mari e le sue consorelle vivono; la bottega con i prodotti alimentari sostenibili che la City Farm produce. Si tratta di una vera e propria fattoria in città che realizza una filiera agroalimentare a chilometro zero che permette il sostentamento del Centro. Nocetum offe inoltre a chi ne ha bisogno un posto per ritrovarsi e ricominciare, impegnandosi nell’accoglienza di chi necessità una spinta per essere inserito nel tessuto sociale. Gloria, le sue consorelle e 50 volontari seguono 30 bambini nel doposcuola e accolgono madri in difficoltà: «In totale» racconta Gloria «Abbiamo aiutato circa 2.500 donne. Siamo anche riusciti, insieme alla rete delle associazioni del quartiere, a ‘spingere’ per la realizzazione della pista ciclabile che collega l’abbazia di Chiaravalle a Porta Romana. La periferia ha tantissimo da offrire e porta dei forti valori all’interno della comunità sociale».

Gloria Mari

Gloria Mari è geologa, giornalista e teologa che fa parte dell’Ordo Virginum di Milano. E’ lei il volto di rappresentanza di Nocetum, anche se ci tiene a sottolineare come siano tante le persone che si impegnano a sostenere l’associazione in molti modi. Gloria ha fatto una scelta strabiliante per la comunità: ha lasciato il lavoro indeterminato da giornalista e responsabile all’ufficio stampa di una casa editrice, per occuparsi del Centro. La sua è stata una vera e propria scelta vocazionale «Per il bene comune» e ai suoi studenti di Religione che le hanno chiesto se ci sia qualcosa che cambierebbe della propria vita, Gloria risponde: «La burocrazia che ci uccide. Tutta l’energia propositiva che Nocetum ha, infatti, rischia di non venire sempre riconosciuta e il timonre è che si debbano ricominciare dei lavori da capo».

More Episodes

Reviews for Il verde dell’accoglienza nel cuore di Milano

There are currently no reviews for Il verde dell’accoglienza nel cuore di Milano
Scroll to top