Cerca
20 Giugno 2021
La WebTV di Milano. Un nuovo modo di fare giornalismo. Le notizie utili, pensate e create insieme a voi.
Le difficoltà nel gestire un centro di permanenza per il rimpatrio

Le difficoltà nel gestire un centro di permanenza per il rimpatrio

Versoprobo SCS, cooperativa sociale vincitrice del bando 2020 relativo alla gestione del CPR di via Corelli, nasce nel 2009 come cooperativa impegnata in attività assistenziali e produzione lavoro, sei anni dopo entra anche nel mondo dell’accoglienza migranti.

Federico Bodo, psicologo e direttore del centro per il rimpatrio, racconta il motivo per il quale, Versoprobo SCS si è voluta impegnare nella gestione del centro: «provare ad impostare un lavoro all’interno del CPR Corelli, quindi da zero, in un CPR che non era ancora aperto, che puntasse al sociale con l’obbiettivo principe di fornire a tutte le persone ospitate all’interno del CPR, trattenute all’interno del CPR, uno strumento in più nel momento in cui dovessero uscire

Il CPR, però, non si è dimostrato un luogo dove poter mettere in pratica l’obbiettivo che Federico e la cooperativa hanno affermato di avere. Pensando di trovarsi davanti una struttura che avesse, a livello normativo, uno spazio di manovra, in realtà la cooperativa si è trovata davanti molti ostacoli, sormontabili solo se le normative sui centri per il rimpatrio verranno modificate.

Per quanto Versoprobo SCS gestisca i servizi all’interno del centro, non sono loro a decidere effettivamente chi entra o esce dalla struttura, ma sono la prefettura e la questura. La stessa cooperativa si interroga sui motivi (mancanza di documenti) per i quali le persone si ritrovino all’interno del CPR: «considerato che esiste un reato di clandestinità istituito ormai all’inizio degli anni 2000, che deve prevedere necessariamente anche una modalità di espatrio di queste persone […] è normale che esitano strutture di questo tipo. […] Il problema è quando questo meccanismo di rimpatrio rallenta vertiginosamente.»

Secondo Federico Bodo quindi i disagi che si riscontrano all’intero dei CPR derivano tutti dal processo di espatrio: lento, spesso portato avanti per mesi, quando invece (lo dice la legge) dovrebbe durare molto meno.


Icons made by mangsaabguru from www.flaticon.com

Milano AllNews è e continuerà ad essere una testata giornalistica ad uso gratuito e libero, ma se vorrete accordarci la vostra fiducia, ci impegneremo sempre più profondamente nel mostrarvi e raccontarvi Milano e la Città Metropolitana nella maniera più completa possibile.
Milano AllNews è social webtv, news, articoli, podcast e longform.
Tutti formati editoriali per costruire un racconto il più completo possibile.

Basta un click e una piccola donazione per dar fiducia a questo nostro progetto condiviso.

Condividi

Archivi