Cerca
20 Giugno 2021
La WebTV di Milano. Un nuovo modo di fare giornalismo. Le notizie utili, pensate e create insieme a voi.
Cos’è l’orientamento sessuale?

Cos’è l’orientamento sessuale?

La sigla LGBTQIA+ può essere di difficile comprensione per chi si approccia per la prima volta alla comunità, ma questa complessità vuole essere rappresentativa della moltitudine e varietà di identità che rientrano in questo mondo.
Le lettere della sigla si riferiscono rispettivamente a persone lesbiche, gay, bisessuali, trans, queer (termine ombrello che indica qualsiasi tendenza di genere, sessuale, relazionale diversa da ciò che è considerato dalla società come normato), intersex, asessuali/aromantici. Il “+” è usato per includere tutte le altre identità che rientrano nella comunità LGBTQIA, che molto spesso rappresentano categorie interne a quelle sopra descritte.

Da attivista riconosco che i tecnicismi del mondo LGBTQIA+ possano risultare molto complessi. Questa serie di articoli vuole chiarire le varie tendenze spiegando la differenza tra identità sessuale (di cui ho parlato nella prima parte del glossario), orientamento sessuale e orientamento romantico e relazionale.

Con la seconda parte di questo glossario intendo considerare i termini principali con cui si identifica l’orientamento sessuale.

L’orientamento sessuale indica a quale o a quali generi si rivolge l’attrazione. L’orientamento sessuale rappresenta un piano distinto da quello dell’identità di genere .

Ma cosa vuol dire attrazione?

Il movimento Aroace (aromantico-asessuale) ha evidenziato la presenza di diverse tipologie di attrazione che possiamo così riassumere:

– attrazione romantica:
– attrazione erotica o sessuale
– attrazione sensuale
: è un tipo di attrazione fisica basata sul coinvolgimento dei sensi e in particolare sul contatto fisico, che tuttavia non sfocia mai nella sfera sessuale;
– attrazione estetica: l’attrazione per le sembianze, il corpo, la bellezza di un’altra persona;
– attrazione platonica: si basa su un’attrazione emotiva o intellettuale.

I termini

Di seguito i termini più comuni che vengono usati dalla comunità LGBTQIA+ per parlare di orientamento sessuale:

  • Allosessuale: termine coniato dalla comunità aromantica e asessuale nei primi anni 2000 per definire chi prova attrazione romantica e sessuale comunemente intese.
  • Aromanticu: La persona aromantica (o, in gergo, aro) non prova attrazione romantica verso alcun genere. La mancanza di attrazione romantica può essere totale o parziale, come del caso delle persone demiromantiche, che provano attrazione romantica solo dopo una forte connessione di altro tipo.
  • Asessuale: La persona asessuale (o, in gergo, ace) non prova attrazione sessuale verso alcun genere. “Asessuale” è un termine ombrello sotto cui ricadono varie sfumature. Le principali sono:
    Demisessuale: la persona demisessuale prova attrazione sessuale solo dopo aver raggiunto un certo livello di intimità emotiva con lu partner;
    Greysexual: la persona greysexual può provare occasionalmente attrazione sessuale;
    Sex neutral: la persona asessuale sex neutral ha un atteggiamento di indifferenza verso il sesso;
    – Sex favorable: la persona asessuale sex favorable hanno un atteggiamento positivo o propositivo verso il sesso pur non provando attrazione sessuale verso alcun genere;
    – Sex repulsed: la persona asessuale sex repulsed rigetta qualsiasi forma di sesso.
  • Bisessuale: con questo termine si indica l’attrazione verso più di un genere. Spesso si tende a ridurre la bisessualità ad attrazione sia verso l’uomo che la donna, in realtà la bisessualità trascende il binarismo e abbraccia tutti i generi.
  • Enbian (Non binary loving non binary): questa espressione descrive l’attrazione di una persona non binaria verso un’altra persona non binaria.
  • Eterosessuale: è l’attrazione verso persone del sesso opposto.
  • Omosessuale: è l’attrazione per persone dello stesso genere. Distinguiamo due principali sottocategorie:
    – Lesbiche: donne che provano attrazione per altre donne;
    Gay: uomini che provano attrazione per altri uomini.
  • Pansessuale: la persona pansessuale prova attrazione per una persona a prescindere dal suo genere. Se la bisessualità comporta l’attrazione verso ogni genere, la pansessualità trascende questa dimensione.
  • Polisessuale: consiste nell’attrazione verso più di due generi, ma non tutti.

Il dibattito sulle etichette

Questo glossario fornisce una serie di definizioni ed etichette che molto spesso vengono usate per descrivere la propria identità. È importante tuttavia notare che c’è un vivo dibattito interno alla comunità LGBTQIA+ a riguardo.

Perché etichettarsi? Spesso la necessità di definirsi è un modo per normalizzare la propria identità queer davanti al mondo esterno, quello etero-normativo, e davanti a se stessi. Bisogna considerare che le persone queer rappresentano una tendenza contraria a tutto ciò che è considerato normato. Prendere coscienza di questa differenza è spesso causa di un forte senso di disagio, pericolo e inadeguatezza sia rispetto all’esterno (si pensi all’omobitransfobia, al bullismo che è ancora all’ordine del giorno e in generale alle discriminazioni) che rispetto all’interno.

In quest’ultimo caso, percepirsi differenti rispetto alla società maggioritaria senza avere un panorama di riferimento o una controcultura ben definita in cui inserirsi può essere fonte di gravi fragilità. In questo senso l’etichetta fornisce un panorama di senso accogliente, qualcosa a cui appartenere. Scoprire che esiste una parola per descrivere la propria identità sessuale è spesso fonte di sollievo, rappresenta un fronte entro cui muoversi, e porta alla ricerca di persone con cui confrontarmi e di una comunità che possa offrire supporto.

In linea col dibattito interno alla comunità LGBTQIA+, tuttavia, le etichette fanno emergere anche forti conflitti. Ogni definizione infatti non porta con sé solo la parte descrittiva, ma anche quella prescrittiva; insomma, se sono bisessuale devo essere attratta da uomini, donne e tutti gli altri generi, perché così dice la mia etichetta. Cosa succede quando l’attrazione o l’identità di genere si modifica o si evolve, com’è inevitabile che sia? Siamo tuttu individuy in costante cambiamento, pensare che si possa avere una posizione statica rispetto alla propria identità è assurdo… e le etichette che ci diamo sono invece molto più fisse.

Da una parte basterebbe assumere l’etichetta come una semplice descrizione, moltu attivistu fanno proprio così. Questo approccio funziona in termini di approssimazione: la mia identità è irriducibile a una definizione, ma per presentarmi al mondo esterno dico ciò che meglio può descrivermi. Ma così sorgono due problemi: in primo luogo, perché ho esigenza di dovermi presentare davanti alla società? In questo senso l’etichetta è una semplice definizioncina che possa rendere la mia identità comprensibile e digeribile alla maggioranza eteromonocisnormata. Ma se la comunità LGBTQIA+ racchiude in sè tutte le identità non normate e queer… ce ne è davvero bisogno?
Il secondo problema si pone se consideriamo il punto da cui siamo partitu: se l’etichetta che un tempo mi aveva dato un posto a cui appartenere ora è una mera descrizione, cosa significa per la mia identità? Certo, la comunità che si è creata intorno ad un’etichetta continua a offrire supporto, ma a livello interiore questa riduzione dell’etichetta a mera descrizione implica che ci sono parti di me che consideravo tali e che non lo sono più: si tratta di una sorta di perdita. Insomma, sembra che in ogni caso ci sia un senso di smarrimento impossibile da estirpare ed è impossibile dire che peso abbiano in questo panorama le etichette.

A mio parere non esiste una risoluzione a questo dibattito, ogni esperienza è unica e ognuno si definisce come meglio crede, tuttavia sarebbe incredibilmente ingenuo assumere le etichette in modo acritico.

Milano AllNews è e continuerà ad essere una testata giornalistica ad uso gratuito e libero, ma se vorrete accordarci la vostra fiducia, ci impegneremo sempre più profondamente nel mostrarvi e raccontarvi Milano e la Città Metropolitana nella maniera più completa possibile.
Milano AllNews è social webtv, news, articoli, podcast e longform.
Tutti formati editoriali per costruire un racconto il più completo possibile.

Basta un click e una piccola donazione per dar fiducia a questo nostro progetto condiviso.

Condividi

Archivi