Cerca
26 Ottobre 2021
La WebTV di Milano. Un nuovo modo di fare giornalismo. Le notizie utili, pensate e create insieme a voi.
Diritti umani negati, ecco cosa succede nel CPR di Via Corelli

Diritti umani negati, ecco cosa succede nel CPR di Via Corelli

Il CPR, Centro di Permanenza per il Rimpatrio, è una struttura per il trattenimento di stranieri, volto all’identificazione e all’eventuale successiva espulsione. A Milano ce ne è uno e si trova in Via Corelli. Non si tratta di un semplice luogo di permanenza temporanea, gli stranieri che si trovano nel CPR sono a tutti gli effetti detenuti, senza la garanzia di alcuni diritti fondamentali.

In sostanza in un CPR si è detenuti senza aver commesso un reato, bensì per un illecito amministrativo, come il mancato rinnovo del permesso di soggiorno, la perdita del lavoro oppure a causa di problemi con la documentazione di riconoscimento. Il trasferimento al CPR avviene inoltre in modo improvviso, basta, per esempio, che una pattuglia della polizia fermi una persona col permesso di soggiorno scaduto; questa verrà portata subito in Questura oppure nel Centro di Permanenza per il Rimpatrio più vicino, così da essere identificata ed eventualmente espulsa.

Ma cosa avviene all’interno del CPR di via Corelli? L’avvocato Giovanni Motta, della rete Mai più lager, No ai CPR, ci aiuta a comprendere il funzionamento di questa struttura e di tante altre, in giro per l’Italia. All’interno del centro, sorvegliato al suo esterno dalla Polizia di Stato ma anche da Carabinieri , Esercito e Guardia di Finanza, la persona detenuta non può comunicare con l’esterno (viene infatti privata al suo arrivo del proprio telefono cellulare); la mensa non è conforme alle regole sanitarie (i cibi sono razionati ed è successo anche di razioni scadute); le condizioni igieniche sono scarse e non c’è assistenza sanitaria garantita.

L’avvocato conferma la necessità di informazione su questo tema, con un invito preciso ed esplicito alle istituzioni, in quanto la circolazione di notizie è l’unica via per togliere il velo a questa realtà. Le persone che vengono detenute nei CPR vengono private di alcuni diritti fondamentali e lasciati in balia dell’incuranza. Si tratta di una situazione non più rimandabile per la quale è urgente un intervento.

Un riassunto lo si trova in questo video esplicativo, della rete Mai più Lager, No ai CPR: https://fb.watch/5fsyUPsqJO/


Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Milano AllNews è e continuerà ad essere una testata giornalistica ad uso gratuito e libero, ma se vorrete accordarci la vostra fiducia, ci impegneremo sempre più profondamente nel mostrarvi e raccontarvi Milano e la Città Metropolitana nella maniera più completa possibile.
Milano AllNews è social webtv, news, articoli, podcast e longform.
Tutti formati editoriali per costruire un racconto il più completo possibile.

Basta un click e una piccola donazione per dar fiducia a questo nostro progetto condiviso.

Archivi