Il voto spacca in due Milano

Era già avvenuto nel 2016. Sala aveva vinto al ballottaggio battendo Parisi, ma in 4 Municipi su 9 il successo aveva benedetto il centrodestra. Si tratta di tutti i quartieri più periferici. La stessa cosa è avvenuta per il voto del 4 marzo: il PD rimane il primo partito nelle zone centrali allargate a Città Studi, Fiera e Citylife, ma va sotto in tutte le altre zone.

Con queste elezioni il divario è aumentato sensibilmente, dividendo la città tra abitanti di serie A e di serie B. Sintetizzando tra ricchi e benestanti e poveri e ceto medio in crisi. Basta fare un breve viaggio ricognitivo per accorgersi rapidamente della abissale differenza sociale. Nelle periferie più estreme troviamo case popolari del demanio e di Aler in condizioni spesso malmesse, strade sporche e tenute male, giardini spelacchiati, una concentrazione di varie etnie in conflitto tra di loro e con i vecchi milanesi. Numerose situazioni di disagio pesante dovute alla presenza invasiva di malavita organizzata. Si convive tra mille difficoltà e con un grave stato di indigenza economica. Molte famiglie hanno l’impossibilità ad arrivare a fine mese e non riescono a pagare affitto, bollette, farmaci. Per il cibo si rivolgono alle mense sia laiche che religiose. La mancanza di una forte rete sociale di servizi aumenta il loro malessere.

Milano è la città ricca, la città della finanza, delle banche, dei media, della moda. Ma è anche la città delle periferie povere. Lì il voto va al centrodestra, con una novità, anche i 5stelle in alcuni quartieri salgono sopra il 20 per cento. Se si votasse oggi a Milano la vittoria di Sala e della sinistra non sarebbe del tutto scontata. Per questo motivo il sindaco blinda la sua maggioranza e si appresta ad una riverniciata della sua giunta ed a reggere in prima persona lo scontro politico. A Roma non avrà più un governo amico e Fontana ha stracciato Gori.

Rate This Article

Nato a Milano il 20/6/1951. Sposato, un figlio, un nipote e una gatta... Esperto di gestione delle risorse umane e di comunicazione istituzionale, scrittore di noir, ė stato assessore del Comune di Milano e Presidente del Consiglio Provinciale.

caputo.rob@gmail.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: