Cerca
23 Ottobre 2019
Sul Naviglio Pavese con Grazia Guarnieri

Sul Naviglio Pavese con Grazia Guarnieri

Oggi lunedì 29 luglio 2019 noi di GoodMorning Milano siamo usciti dallo studio per raccontarvi e farvi vedere alcune curiosità su Milano. 

29/07/2019

Oggi GoodMorning Milano vi conduce per una nuova zona della città in compagnia di Grazia Guarnieri!

Gepostet von Milano AllNews am Montag, 29. Juli 2019

Ci siamo incontrati con Grazia Guarnieri, conosciuta anche come la piccola guida di Milano, di fronte all’Auditorium di Milano. 

Quest’ultimo originariamente era chiamato Cineteatro la Montagnetta a causa di un accumulo di materiali derivanti dai vicini lavori legati alla costruzione del Naviglio Pavese. Oggi all’interno dell’edificio si esibisce l’orchestra Sinfonica e Coro Sinfonico di Milano Giuseppe Verdi. 

Successivamente ci incamminiamo in via Conchetta che prende il nome dalla conca più piccola del Naviglio Pavese, presente in fondo alla strada. Il nome del naviglio deriva dal collegamento voluto da Galeazzo II, intorno al 1360, per collegare i sue due castelli presenti a Pavia e a Milano. 

Dopo pochi passi ci fermiamo e la nostra attenzione viene catturata da un enorme murales. L’opera è stata creata dagli Orticanoodles per la Milano music week. Quest’opera mostra graficamente l’universalità della musica unita alle emozioni che genera.

Proseguendo incrociamo la Portineria 14 e pochi numeri civici dopo, al numero 18, troviamo il centro sociale COX 18, famoso per contenere l’archivio Primo Moroni; personaggio politico e intellettuale degli anni 70. Le mura del palazzo che accoglie il centro sociale sono un’opera di Blu, uno dei più famosi Street Artist in circolazione. 

Sono passati 10 minuti dall’inizio del giro turistico e alla fine di via Conchetta, proprio davanti ai nostri occhi, vediamo il naviglio e la sua chiusa. Grazia sfata il mito secondo il quale queste chiuse sono state create da Leonardo Da Vinci; ciò non ne esclude un suo studio o interesse. 

Adiacente al Naviglio è presente la Sacrestia Farmacia Alcolica, uno dei tanti locali caratteristici del quartiere, dove di sera e di notte si può vivere un’atmosfera autentica di congregazione e divertimento.

Prima di concludere il tour Grazia ci spiega che molti di questi bar derivano dagli antichi locali dopo teatro, ossia i primi luoghi di aggregazione aperti fino a tardi. 

Nicolai Pietro D’Angelo

Condividi

Archivi