THE SQUARE

Christian è il curatore di un museo di arte contemporanea di Stoccolma che gestisce lo spazio per l’installazione “the square”: l’opera è un quadrato che rappresenta “un santuario di fiducia e altruismo, dove ognuno ha uguali diritti e doveri”. Ruben Ostlund dopo “Forza maggiore” scrive e dirige una lunga e grottesca opera sulla (dis)umanità del mondo attuale, cui pone una domanda: quanta crudeltà è necessaria per la nostra umanità? Il quadrato simboleggia un luogo ideale dove attraverso fiducia e altruismo si possa ritrovare il rispetto di sé stessi e degli altri e dove ogni diritto e dovere devono essere eseguiti. Peccato che Christian (e non solo lui) si dimentichi di questo messaggio artistico e non lo applichi alla vita di tutti i giorni. Se infatti Christian è in grado di chiedere aiuto al prossimo non riesce ad ascoltare chi lo chiede a sua volta. Come dire che il mondo predica bene e razzola male. Nulla di nuovo perciò, se non fosse che qui il regista affronta il tutto in maniera forte, ironica e singolare, che fa pensare e rimane dentro chi guarda. Ti fidi o non ti fidi del prossimo? Facile rispondere se è un’installazione artistica. E se è vita reale? In questo senso la divisione tra il reale (della vita) e il non reale (dell’arte) è molto sottile. Utilizzando ironia e black humor alla svedese Ostlund costruisce il suo film, un film terribile nella sostanza più che nella forma, fatto di scrittura più che di manierismi formali, un’opera che criticando il mondo dell’arte si scaglia contro la società attuale che non è capace di guardare chi ha realmente bisogno ma si gira dall’altra parte, sperando di non esser(n)e toccato, come suggerisce la splendida e disturbante scena della cena-performance. Tanta carne al fuoco, forse con molti, troppi punti di riflessione: è chiaro che 142 minuti sono difficili da gestire nel ritmo e nel (dis)equilibrio in cui il film sembra a volte dimenarsi, ma forse è propria questo non-equilibrio a renderlo bello e interessante. Interpretato da un buon cast internazionale (Elizabeth Moss, Dominic West, Terry Notary, Claes Bang) ha vinto la Palma d’oro al festival di Cannes 2017. Un film inconsueto, riuscito e decisamente non adatto a un grande pubblico. Da vedere.

 

IN PROGRAMMAZIONE nei cinema ANTEO (SALA RUBINO in versione originale con sottotitoli), ARLECCHINO, MEXICO e UCI CINEMAS BICOCCA di MILANO

Rate This Article

Vicepresidente dell’Associazione Culturale LaTW. Cura la sua personale rubrica di Cinema: “Visti dal Conte”. Nato nel 1965, si interessa da sempre al cinema, al mondo dello spettacolo e alla scrittura. Nel 1993 partecipa ad un corso di sceneggiatura condotto da Lara Fremder e Paolo Rosa. Negli anni successivi scrive recensioni cinematografiche per la pagina televideo di Telelombardia, azienda per la quale lavora dal 1986. Dal 2009 inizia a studiare recitazione teatrale presso l’Associazione Culturale Dedalus. Nel 2011 partecipa al “Premio Solinas – Storie per il cinema”. Nel 2011 e nel 2014 partecipa al Concorso letterario indetto dalla Biblioteca Comunale di San Donato Milanese classificandosi entrambe le volte al secondo posto. Nel 2015 ha diretto il suo primo cortometraggio.

adriano.cavicchia@latw.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: