Cerca
19 Settembre 2019
Sono a favore del taser

Sono a favore del taser

Ho riflettuto a lungo,  ho “mugugnato”, mi sono informato, ho chiesto ai diretti interessati, poi pur essendo io un inguaribile liberale, garantista e da sempre guerriero a favore dei diritti civili, mi sono schierato per l’utilizzo del taser, ovvero della pistola elettronica, da parte della polizia locale.

Sono partito dalla realtà, quindi dalla sperimentazione in atto delle forze dell’ordine. I risultati, ad oggi, sono ottimali. Credo che sia uno strumento utile, non solo come arma di difesa da utilizzare in situazioni particolarmente pericolose e di emergenza, ma anche come deterrente. Infatti mi sono convinto, parlando con degli esperti, che anche il fatto che un delinquente sia a conoscenza che un agente sia in possesso del taser, lo induca a non commettere atti violenti.

L’esempio più immediato è quello di quando un agente si trova isolato e circondato, in quel caso potrebbe essere costretto ad utilizzare la pistola d’ ordinanza, con grave rischio di evoluzioni gravissime e dalle conseguenze imponderabili. In questo caso il taser sarebbe di grande aiuto. L’assessore alla sicurezza replica, proponendo al posto del taser lo spray al peperoncino.

Beh, non è proprio la stessa cosa ed anche lo spray potrebbe risultare pericoloso. Ho anche un sentore: si è andati verso questa scelta contro il taser per motivi ideologici. Questo sarebbe profondamente sbagliato. Quando ci si occupa della sicurezza dei cittadini non devono assolutamente valere gli schieramenti politici, ma solo il bene della città.

Condividi
Roberto Caputo
Scritto da
Roberto Caputo

Archivi