Cerca
2 Giugno 2020
Strage e strategia, tre generazione per Piazza Fontana

Strage e strategia, tre generazione per Piazza Fontana

Elio Catania e la strage di piazza Fontana

In questa nuova puntata di MunicipioX, abbiamo come ospite Elio Catania, co-autore del libro “Dopo le bombe – Piazza Fontana e l’uso pubblico della storia”, opera corale sulla strage di Piazza Fontana e sulla strategia della tensione.

“Dopo le bombe – Piazza Fontana e l’uso pubblico della storia” è un’opera corale, scritta da tre generazioni di storici e ricercatori che hanno messo a disposizione le loro specifiche conoscenze e competenza. L’obiettivo era quello di creare un sunto delle più recenti teorie e nozioni sulla strage di Piazza Fontana e sulla strategia della tensione. Partendo dal sapere comune, è importante capire cosa c’è stato dopo questi fatti, in Italia e in Europa, e approfondire anche come è stato visto questo avvenimento dai paesi esteri.

Elio Catania sottolinea come questi argomenti siano soggetti a confusione e “mistero”. Molto spesso, infatti, non vengono date definizioni, non vengono stabilite coordinate temporali e contestuali né un ambito di applicazione chiaro.
In particolare, il concetto di “strategia della tensione” è stato usato per descrivere eventi poco e per nulla inerenti.
Tutto questo favorisce la nascita di “narrazioni tossiche“, ossia il raccontare un determinato episodio storico, di cronaca o attualità, tenendo in considerazione un solo punto di vista omettendo elementi di contesto che contribuirebbero alla visione più esatta e complessiva dell’accaduto.

La strategia della tensione e la strage di Piazza Fontana sono stati oggetti anche del cinema, specialmente nel periodo coevo agli avvenimenti, scomparendo poi negli anni ’80.
Solo nel 2012 uscirà un film dedicato a questi temi, che comunque non è da considerarsi storicamente attendibile.
Tuttavia, pur non essendo un film storico con valenza didattica, ha avuto grande importanza nell’immaginario collettivo e nel sapere comune.

Condividi

Archivi