Cerca
20 Gennaio 2021
Un nuovo modo di fare giornalismo. Le notizie di Milano, pensate e create insieme a voi.
Sergio Meazzi, quattro anni al Giambellino

Sergio Meazzi, quattro anni al Giambellino

L’ospite della puntata di oggi di Good Morning Milano è Sergio Meazzi che, a pochi mesi dallo scadere del mandato come Assessore alla Cultura, all’Ambiente e al Territorio del Municipio 6, ci racconta com’è stata la sua esperienza in questi anni. Non ci si ferma mai quando si lavora per il comune di Milano. C’è sempre tanta soddisfazione e felicità perché “per chi è nato sui marciapiedi del Giambellino”, racconta l’Assessore, “provare a risolvere i problemi del quartiere è motivo di gioia e di orgoglio. Ti rende partecipe di una missione collettiva”.

Una questione importante per il quartiere è l’edilizia popolare. Il Municipio 6 ha una vastissima zona sia di MM che di ALER per cui il Municipio non ha voce in capitolo. Questa sarà proprio una delle questioni da affrontare nei prossimi cinque anni, spiega Meazzi.

Stesso discorso vale per le scuole: il Consiglio di zona negli anni Ottanta si occupava delle manutenzioni straordinarie (ad esempio la rottura di un vetro nell’edificio scolastico). Le amministrazioni successive negli anni hanno rimosso quelle deleghe, rendendole competenza del Comune di Milano. Oggi però si discute sulla possibilità di delegare al Municipio la gestione dei lavori di manutenzione.

Tra i lavori che hanno creato disagio fra gli abitanti del Municipio 6, ci sono quelli per la costruzione della linea M4. Molti cittadini lamentano crepe nelle proprie abitazioni o movimentazioni strane delle case. Il Municipio in questo caso non può entrare nel merito della questione. Si tratta di un lavoro invasivo ma assolutamente necessario. Sono stati assunti dei tecnici che controllano le conseguenze dei lavori e lo stato delle crepe per capire se possono essere pericolose per gli abitanti. Le procedure di controllo sono severe, proprio per proseguire i lavori in sicurezza.

“Tutto ciò che è più vicino al cittadino dovrebbe essere di competenza del Municipio, anche per poter intervenire più rapidamente”, spiega Meazzi. L’assessore di un Municipio, proprio in quanto abitante dello stesso, è più vicino al territorio e sa meglio come agire. È difficile pensare che tutti i municipi possano essere omogenei (basti pensare che solo nel Municipio 6 ci sono 160000 abitanti).

Tra gli obiettivi che al Giambellino sono stati raggiunti, l’Assessore ricorda la gestione verde. Le scorse amministrazioni avevano dotato le città di aree cani, lasciando indietro quelle dedicate ai bambini. Per questa ragione, sono stati svolti dei lavori per pareggiare le zone per i più piccoli.

Un’idea su cui Meazzi sta ancora lavorando, invece, è la gestione dei parchi. Oggi, a parte la manutenzione, c’è un problema nella gestione delle aree verdi. È necessario individuare delle figure che possano essere un po’ dei guardiani del parco, dei “ranger“, prosegue l’assessore. Si tratta di una persona di riferimento che, per esempio, raccolga le carte di chi incivilmente le getta per terra o che redarguisca chi non raccoglie i bisogni del proprio cane.

E, proprio per il tema gestione delle aree verdi, le critiche non sono mancate. Una fra tutte, l’idea che nel Municipio non si curino gli alberi. Meazzi spiega una statistica: un conto di quanti alberi sono caduti nel Municipio 6. “L’analisi riporta la caduta di 46 alberi sui 28900 che ci sono nel Municipio durante l’ultima nevicata nel capoluogo lombardo. La percentuale ricavata è circa 0,20%, pressoché nulla. Quindi bisogna sfatare l’idea che a Milano non si curino gli alberi”.

Nel Municipio 6 proprio per la cura degli alberi viene utilizzato il Sistema Visual Tree Assessment (VTA). Si tratta di una metodologia di indagine che viene eseguita per la valutazione delle condizioni strutturali dell’albero su basi biomeccaniche. Quindi il VTA valuta la salute dell’albero per ridurre eventuali danni con opportuni interventi manutentivi. Bisogna ricordare, e su questo insiste anche Meazzi, che per ogni albero abbattuto per le sue condizioni di salute precarie ce n’è un altro che viene piantato.

Crediti immagine di copertina:
Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Condividi

Archivi

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com