Cerca
5 Marzo 2021
La WebTV di Milano. Un nuovo modo di fare giornalismo. Le notizie utili, pensate e create insieme a voi.
Made in Corvetto, un anno dal progetto per il quartiere

Made in Corvetto, un anno dal progetto per il quartiere

L’Associazione La Strada compie 40 anni. Ha messo le sue radici nelle periferie, da Corvetto a Salomone. Fin dalle origini è un’associazione di volontariato, composta da persone che mettono gratuitamente a disposizione il proprio tempo per aiutare il prossimo, ricordando con la propria disponibilità quanto sia fondamentale il terzo settore per l’Italia.

La Strada è impegnata su vari fronti e crea rapporti con tutte le realtà del territorio: con gli anziani soli, con i centri per gli adolescenti, con la mensa per i poveri, con chi ha abbandonato la scuola dell’obbligo, con un centro per il lavoro per aiutare i disoccupati, con l’housing sociale per le persone in emergenza abitativa.

Da un anno lavora al progetto Made in Corvetto. Quest’ultimo mira a consolidare i rapporti di prossimità, dando vita a uno spazio di relazione a disposizione della collettività, nel cuore del quartiere in cui è radicato, cercando di comprenderne in maniera profonda le necessità, attraverso l’apertura, l’ascolto e il dialogo con gli abitanti. Il Corvetto presenta situazioni di povertà estrema, di abusivismo, di scarso controllo. Presenta segnali di disagio fortissimo che non si possono ignorare.

Gilberto Sbaraini, presidente dell’Associazione La strada, ospite della puntata di Good Morning Milano, ha raccontato quali sono state le iniziative realizzate durante un anno di Made in Corvetto e quali sono i progetti in cantiere per il futuro.

Made in Corvetto ha un anno di vita. E proprio Corvetto è stato individuato come una delle periferie che soffrono da tempo. Il progetto è nato perché Fondazione Cariplo ha creato il programma La città intorno, per offrire maggiore attenzione proprio alle periferie di Milano. Per questa ragione ha chiesto a La Strada di intervenire.

Made in Corvetto è nato dentro al Mercato Comunale Coperto di piazzale Ferrara a Milano. Gilberto Sbaraini è un abitante storico del Corvetto e ricorda con nostalgia quando poteva far spesa semplicemente al mercato di quartiere. Oggi la situazione è cambiata e ci sono molti stalli vuoti al suo interno. Proprio negli spazi vuoti del mercato sono state realizzate le iniziative di Made in Corvetto.

Sono state organizzate attività di socialità e aggregazione, dai laboratori ai momenti informativi, alla cucina di quartiere. Quest’ultima è l’esperienza più rilevante. La sfortuna della cucina è quella di essere stata aperta al pubblico per poco tempo a causa dell’emergenza sanitaria. L’obiettivo è avere un’attenzione nei confronti della parte più fragile della comunità. La cucina è gestita da due ragazzi del Corvetto, nati e cresciuti nel quartiere. Durante il lockdown sono stati realizzati 1.400 pasti consegnati alle famiglie in difficoltà.

Come obiettivo per il futuro, Made in Corvetto desidera che la cucina di quartiere diventi una presenza fissa in grado di essere motore di crescita per la comunità. Inoltre, è una realtà che continua a crescere. Tutte le forze che collaborano al progetto (Fondazione Cariplo, con il sostegno del Comune di Milano e il contributo di BikeMi, Bosch, Fondazione AEM, Fondazione Snam, Metro, Pentole Agnelli, Panificio Davide Longoni, Poliedra-Politecnico di Milano, Sebach, Vaillant, Zanussi Professional) continueranno a lavorare e a produrre per farlo andare avanti.

Per seguire le attività de La strada, potete visitare il loro sito web in cui sono presenti tutte le informazioni per la cucina di quartiere o la pagina Facebook dell’associazione.
Per Made in Corvetto, invece, si possono visitare il sito, la pagina Facebook, o il profilo Instagram.

Crediti immagini di copertina
Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Condividi

Archivi