Cerca
23 Ottobre 2019
Lovegiver

Lovegiver

Ospite del Goodnight del 29 luglio è Luca Bossi, un OEAS in formazione, che partecipa al progetto Lovegiver.

Goodnight Milano 29/07/2019

Ospite di stasera a Goodnight Milano è Luca Bossi di Assistenza Sessuale alle persone disabili.

Gepostet von Milano AllNews am Montag, 29. Juli 2019

Che cos’è un OEAS? L’OEAS, o Operatore all’emotività, all’affettività e alla sessualità, è una figura che, per la legge italiana, non esiste.  Attualmente, infatti, anche dopo i ripetuti sforzi di Max Ulivieri, attivista del progetto Lovegiver.
Questi sforzi si sono tradotti in modo diverso, tra disegni di legge nazionali e proposte regionali, ma l’OEAS tutt’oggi non è riconosciuto dallo stato italiano, o tanto meno dal resto del mondo.
Nel resto del mondo ci sono figure classificabili come sex workers, che si occupano però solo della sessualità del disabile: un OEAS, invece, è una figura professionale che va a portare assistenza anche nell’emotività e nell’affettività, sfere che, storicamente, culturalmente e socialmente, sono precluse alle persone con disabilità.

Un’OEAS è un membro di un equipe formata da altri operatori che si rivolge a persone con disabilità, sia fisica che psichica, che andrebbe a essere rivoluzionaria per la mancanza di questo aspetto della vita dei disabili. Purtroppo adesso si è nella condizione in cui le famiglie permettono ai propri membri disabili di sfogare il bisogno sessuale, quindi si evidenzia il bisogno di un OEAS, ma questo appagamento non è una vera risoluzione del problema.

La conoscenza e l’espressione del proprio orientamento sessuale, per qualsiasi persona, è essenziale alla completa realizzazione del proprio io: la paura che la società ha, la paura di ammettere la sessualità di un disabile, si trasforma nella credenza che le persone disabili non sono altro che angeli asessuati.
Ci si deve rendere conto come anche una persona disabile ha il diritto di conoscere e esprimere la propria sessualità, e non si deve arrivare al negare questa conoscenza e questa espressione solo per mantenere la propria credenza. 

Potete trovare il comitato Lovegiver sul loro sito, in cui potrete trovare anche alcune testimonianze di persone che ci sono passate.  

Condividi

Archivi