LA LA LAND

Los Angeles: Mia è una giovane attrice in attesa del provino perfetto, quello che la lancerà nel mondo del cinema. Sebastian è un pianista jazz con il sogno di avere un posto dove suonare la sua musica e far (ri)vivere il jazz. Quando le loro strade si incrociano saranno scintille. Damien Chazelle (Whiplash), 32 enne regista e sceneggiatore celebra il cinema (musicale e non) danzando tra le stelle e creando un mondo di sogno eppure reale che appartiene a noi tutti usando una semplice “arma”: il musical, ovvero quel “territorio dove tutto è possibile” a patto di crederci e di lasciarsi andare senza remore. Il suo film è una meraviglia per gli occhi e l’anima, e se l’incredibile piano sequenza iniziale (quattro minuti abbondanti) non dovesse bastarvi sappiate che il montaggio dal ritmo serrato, i dialoghi e la storia conducono con intelligenza lo spettatore in un luogo spensierato  (quel “La La Land” del titolo) e un po’ magico che è poi la nostra vita, una vita in cui ambiamo essere e vivere i nostri sogni e le nostre follie. Ma quanti sogni realizzeremo? Il film parla ai romantici e ai sognatori e  è un flusso continuo di colori, balli, emozioni, ottima musica, e storia che ha nel finale un piccolo grande colpo di genio, quello che lo rende un’opera unica, magica e anche un po’ amaramente reale. Meritatissimi i premi fin qui raccolti. Tra gli altri Coppa Volpi e Golden Globe per Emma Stone (Miglior Attrice), Golden Globe a Ryan Gosling (Miglior attore), a Damien Chazelle (miglior sceneggiatura e regia), per Miglior Film commedia o musicale, Miglior Colonna Sonora e Miglior canzone (City of Stars). Candidato a 14 premi Oscar, è un film coloratissimo, emozionante, dal gran ritmo, con una strepitosa colonna sonora. Da vedere e rivedere, è di certo uno dei più belli del nuovo anno.

IN PROGRAMMAZIONE nei cinema ANTEO, ARCOBALENO, COLOSSEO, DUCALE, ELISEO, GLORIA, UCI CINEMAS BICOCCA e UCI CINEMAS CERTOSA di MILANO

Condividi e Seguici sui Social Network
Rate This Article

Vicepresidente dell’Associazione Culturale LaTW. Cura la sua personale rubrica di Cinema: “Visti dal Conte”. Nato nel 1965, si interessa da sempre al cinema, al mondo dello spettacolo e alla scrittura. Nel 1993 partecipa ad un corso di sceneggiatura condotto da Lara Fremder e Paolo Rosa. Negli anni successivi scrive recensioni cinematografiche per la pagina televideo di Telelombardia, azienda per la quale lavora dal 1986. Dal 2009 inizia a studiare recitazione teatrale presso l’Associazione Culturale Dedalus. Nel 2011 partecipa al “Premio Solinas – Storie per il cinema”. Nel 2011 e nel 2014 partecipa al Concorso letterario indetto dalla Biblioteca Comunale di San Donato Milanese classificandosi entrambe le volte al secondo posto. Nel 2015 ha diretto il suo primo cortometraggio.

adriano.cavicchia@latw.it