Immigrati, fake news e mass media. (S)punti di vista sulla corretta informazione

Siamo giunti a giovedì 31 maggio. Ospiti della puntata di GoodMorning Milano di oggi sono Silvia Rapizza e Silvia Cannonieri di Ciessevi.

Ciessevi (Centro Servizi per il Volontariato) è un’associazione di associazioni, tutte operanti sul territorio della città metropolitana di Milano; un’ente che è stato creato come servizio per il volontariato dalla Legge Quadro del 1991 e confermata dalla attuale riforma del terzo settore.
Ciessevi appartiene ad un network nazionale che ha l’obiettivo di offrire servizi di vario genere al mondo del volontariato e dell’associazionismo in generale. Rappresentano, quindi, un punto di riferimento per il terzo settore.

Ultimamente per rispondere ai bisogni più urgenti e moderni delle varie associazioni, si è inevitabilmente cominciato a pensare e progettare intorno alla questione rigaurdante i migranti. Nella fattispecie Ciessevi, ha voluto suportare e creare un percorso di servizi dedicati all’integrazione.
Un processo, quello dell’intergazione, lento e graduale di cui si parla meno rispetto all’emergenza dell’accoglienza, ma altrettanto importante, essendo proprio questo a permettere l’attenuazione delle diversità. Per l’occazione Ciessevi jha cognato un bvero e proprio titolo, divenuto subito hashtag: “L’arte dell’integrazione”.

In questa direzione va il prossimo evento promosso da Ciessevi: “Immigrati, fake news e mass media. (S)punti di vista sulla corretta informazione” che si terrà mercoledì 6 giugno alle ore 14.30 presso la Casa della Psicologia di Milano.
E’ un evento aperto a tutti e ha lo scopo di fornire un approfondimento su come i media veicolino le informazioni riguardanti i migranti e il tema migrazioni. Si tratta di un argomento spesso trattato con termini a connotazione negativa e tramite stereotipi: invasione, pericolosità sociale, criminalità, degrado…
Prenderanno parola degli esperti che avranno il compito di spiegare la narrazione mediatica del fenomeno e fornire al pubblico i mezzi per comprendere quali siano le fake news e per favorire la corretta informazione.

Sicuramente un evento di rilevante importanza in un mondo in continua evoluzione e, ormai, senza barriere; consentirà a tutti i partecipanti di comprendere ciò che è vero e corretto nelle notizie fornite dai mass media e ciò che, al contrario, serve solo per diffondere “malcontento”, pregiudizi e discorsi d’odio, i famosi “hate speech”.

L’appuntamento è per mercoledì 6 giugno presso la Casa della Psicologia, in Piazza Castello 2, alle ore 14.30. L’evento è aperto a tutti e ci si può iscrivere presso il sito di Ciessevi o anche il giorno stesso in loco.

Rate This Article

info@latw.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: