Cerca
5 Marzo 2021
La WebTV di Milano. Un nuovo modo di fare giornalismo. Le notizie utili, pensate e create insieme a voi.
Fabio Loi, in arte Bietto, e il suo rapporto con Milano

Fabio Loi, in arte Bietto, e il suo rapporto con Milano

Bietto

Ospite della nuova puntata di MunicipioX Fabio Loi in arte Bietto, un giovane musicista di 22 anni che ci ha raccontato la sua musica e i suoi progetti per il futuro.

La passione per la musica di Bietto è nata in giovane età, inizialmente come ascoltatore, trasferitasi poi all’interno della scrittura avvenuta intorno ai 14 anni dopo il primo incontro con la musica rap.
Come per tanti altri anche per il nostro ospite la scrittura è iniziata come una valvola di sfogo a seguito di una delusione amorosa, evolvendosi con il tempo e allontanandosi dal genere rap sfociando in un genere, secondo l’autore, non etichettabile perché approcciato a diversi stili di musica.

Bietto ha iniziato a pubblicare i suoi singoli a partire da gennaio 2020, raccolti poi all’interno di un EP chiamato “Guarda Milano” pubblicato lo scorso luglio.
Il 2020 è stato un anno importante per Bietto, soprattutto dal punto di vista della creazione, perché avendo molti impegni la sua fase produttiva era lenta, infatti dedicava alla scrittura brevi momenti dell’anno rispetto a periodi in cui questa veniva abbandonata del tutto. Durante il lockdown, invece, ha avuto il tempo per dedicarsi alla scrittura a discapito delle esperienze però, che sono diminuite.

Con la chiusura degli eventi aperti al pubblico, sono state annullate anche le esibizioni in programma per Bietto. I live per lui sono una parte fondamentale per permettere alle persone di conoscere la sua musica che punta soprattutto sull’empatia e sulla condivisione.
Per il giovane musicista il rapporto con i social è duplice: da un lato la consapevolezza della necessità della presenza su queste piattaforme, soprattutto per un’artista emergente, e dall’altro la volontà di non mettere in ombra la musica, protagonista principale, rispetto al personaggio social. La volontà di Bietto è quella di presentarsi attraverso la sua musica, l’unica che deve essere giudicata senza l’influenza di immagini magari fuorvianti.

Un singolo a cui è particolarmente legato è “Giovedì”, presente nell’EP “Guarda Milano”, in questa canzone si è avvicinato a sonorità diverse dalle solite. Oltre a “Giovedì”, l’artista è legato a diversi pezzi, perché una necessità intrinseca alle sue canzoni è quella di potersi riconoscere sempre.

Un filo conduttore della musica di Bietto è il modo di approcciarsi al testo, mentre la musicalità è diversa di canzone in canzone.

Tra i programmi futuri, oltre a riprendere il contatto con le persone e suonare dal vivo non appena sarà possibile, Bietto pubblicherà un nuovo singolo in collaborazione con Diorama e Arden, altri due ragazzi anch’essi molto giovani.

I suoi brani sono disponibili su ogni piattaforma di streaming musicale, tra cui Spotify, mentre attraverso il suo profilo Instagram è possibile restare aggiornati su tutte le novità in programma.

Condividi

Archivi