Che fine ha fatto il Teatro Lirico ?

Dopo l’ annunciata riapertura, che avrebbe dovuto realizzarsi nel settembre di quest’anno, ma mai avvenuta, il Teatro Lirico meglio noto come Teatro Lirico Giorgio Gaber, era di nuovo scomparso dalla cronache milanesi . E’ sorprendentemente riapparso nell’intervento del sindaco che enunciava i vari progetti del programma quartieri. Ma nessuna data certa è stata fatta. Si parla di fine novembre. Potrebbe essere possibile se si facesse riferimento alle opere murarie che spettano all’impresa incaricata, ma non di certo all’allestimento completo dell’ interno del teatro che dovrebbe spettare ad una società olandese, che avrebbe anche il compito di gestirne l’attività, ma su questo ultimo punto pesa la decisione del T.A.R. in merito ad una richiesta della società seconda arrivata al bando comunale.

E’ dal 1999 che il teatro è chiuso e Milano attende ancora.  Il Lirico, come il Teatro alla Scala, fu un regalo dei governanti austriaci alla fine del 700. Nacque sull’area delle scuole cannobiane e in fatti prese il nome di La Cannobiana, poi mutato in Lirico nel tardo 800 quando la gestione fu assunta dall’editore Sonzogno. Divenne proprietà del comune nel 1926 e nel dopo guerra venne dato in gestione al Piccolo Teatro di Grassi e Strehler e visse la sua stagione migliore. Il Lirico fa parte della più bella storia di Milano. Sono passati vent’anni dalla sua chiusura ed è intollerabile che la città non possa riavere questo gioiello opera del Piermarini , poi modificato da Ramelli.

Rate This Article

Nato a Milano il 20/6/1951. Sposato, un figlio, un nipote e una gatta... Esperto di gestione delle risorse umane e di comunicazione istituzionale, scrittore di noir, ė stato assessore del Comune di Milano e Presidente del Consiglio Provinciale.

caputo.rob@gmail.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: