Cerca
2 Giugno 2020
Una visita alla Certosa di Milano

Una visita alla Certosa di Milano

La seconda puntata di Focus Periferie ci porta alla “riscoperta” di un luogo che in tanti non sapevano esistesse, stiamo parlando della Certosa di Milano in Garegnano, situata appunto nell’ex quartiere Garegnano alla periferia nord-ovest di Milano.

Ci guida all’interno della Certosa di Milano Roberto Gariboldi, uno dei membri del gruppo “Amici della Certosa” una sorta di associazione nata nel 2012 per collaborare con gli organismi parrocchiali e valorizzare spiritualmente e culturalmente la Certosa di Milano.

La fondazione della Certosa, come ci racconta Roberto, risale al 1349 da Giovanni Visconti arcivescovo e signore della città.
La struttura sorgeva a soli quattro chilometri a ovest dalle mura cittadine di Milano nell’allora borgo rurale di Garegnano e venne realizzata – spiega l’atto di fondazione – col preciso intento di consentire ai monaci che l’amministravano di vivere in ritiro solitario e pregare anche per l’arcivescovo il quale, divenuto anche signore temporale, non poteva badare adeguatamente agli aspetti ecclesiastici che il suo ruolo gli imponeva.

I lavori per la costruzione del monastero vennero in gran parte completati dal 1352, anche se la chiesa venne ufficialmente consacrata solo nel 1367.
Il complesso della certosa fu successivamente riedificato sotto la direzione dell’architetto Vincenzo Seregni, già a capo della Fabbrica del Duomo, a partire dagli anni settanta del Cinquecento.

All’interno della chiesa il soffitto è sovrastato da un tiburio a forma ottagonale, mentre tutta la chiesa si presenta ad un’unica navata con volta a botte e stucchi geometrici. Celebre è la decorazione ad affresco, costituita da due distinti cicli pittorici, il primo del manierista Simone Peterzano, maestro di Caravaggio e il secondo fa capo a Daniele Crespi.

Certosa di Milano
📍Via Garegnano 28 , 20156 Milano
✉️donpino.certosamilano@gmail.com
☎️02 38006301

Condividi

Archivi