Cerca
30 Ottobre 2020
Il futuro del Cavalcavia Monte Ceneri: greenline o abbattimento

Il futuro del Cavalcavia Monte Ceneri: greenline o abbattimento

I protagonisti della puntata di oggi di GoodMorning Milano sono lo Stadio di San Siro e il Cavalcavia Monte Ceneri. A parlarne sono, per il primo, Marco Bestetti, Presidente del Municipio 7 in collegamento telefonico, il secondo, l’Assessore all’Urbanistica del Municipio 8 Paolo Romano, in studio con noi.

Marco Bersetti sostiene che San Siro sia un argomento di cui bisogna parlare perché riguarda tutti i cittadini di Milano. In Municipio 7 si sono già fatti una loro idea riguardo la questione stadio: abbattere San Siro è da escludere, ma concordano con il comune per modernizzare la struttura e inserire delle zone verdi in quella che ora sembra una colata di cemento senza vita.

GoodMorning Milano 16/09/20 – Paolo Romano

Seconda puntata della nuova stagione: ospite del giorno Paolo Romano. Parleremo del Cavalcavia Monteceneri

Gepostet von Milano AllNews am Mittwoch, 16. September 2020

Nella seconda parte della puntata, Paolo Romano ci racconta del Cavalcavia Monteceneri: un collegamento lunga 2 km che unisce Piazza Stuparich con Ponte della Ghisolfa. La struttura soprelevata che oggi risulta alquanto invadente, quando fu costruita tra gli anni ’50 e ’60 venne considerata un’opera rivoluzionare che, per le sue innovazioni strutturali, vinse vari premi anche a livello internazionale.

Le opzioni di riqualifica del cavalcavia sono due.
La prima vuole trasformare il ponte in una greenline milanese dotata di pista ciclabile e spazi pedonali. In questa nuova “high line” sarà anche possibile organizzare eventi ed incontri, diventando un nuovo luogo di aggregazione.
La seconda idea di progetto, seppur più dispendiosa, prevede invece l’abbattimento dell’intera struttura. Con questo intervento si potrà creare una corsia preferenziale per 90, 91 e taxi, si potrebbero allargare i marciapiedi e non viene esclusa l’idea di posizionare una nuova pista ciclabile.

Eliminare il Cavalcavia Monteceneri, però, è un lavoro che richiede tempo: bisogna ripensare tutta la mobilità urbana, offrendo ai cittadini un servizio di trasporto che permetta l’abbandono dell’automobile. Ad oggi la zona intorno al cavalcavia ha bisogno di un restyling: i marciapiedi sono piccoli e la qualità della vita è da migliorare. Anche l’inquinamento, sia acustico che dell’aria, continua ad essere un problema rilevante: le persone che abitano vicino al cavalcavia non possono aprire le finestre perché sono a stretto contatto con smog e rumore.
Riqualificando la zona i negozianti e gli abitanti del quartiere potrebbero vivere in una realtà più piacevole, più sicura, e più salubre; migliorando sicuramente la propria qualità di vita.

Condividi

Archivi