Cerca
14 Aprile 2021
La WebTV di Milano. Un nuovo modo di fare giornalismo. Le notizie utili, pensate e create insieme a voi.
Casa Alda Merini, una rigenerazione umana

Casa Alda Merini, una rigenerazione umana

La Casa di Alda Merini è un angolo di mondo che va dal Naviglio Pavese a via Magolfa, proprio dove Alda Merini viveva, dove scopriva la nostra città per raccontarne le gesta.

La sua casa oggi può essere riscoperta grazie ad un nuovo progetto nato al suo interno. Per parlarne meglio, ospite di Good Morning Milano è Donatella Massimilla, direttrice creativa del Cetec, Centro Europeo Teatro e Carcere.

Il Cetec ama definirsi una realtà con due anime, una teatrale e artistica e un’altra sociale. Ha alle spalle attività artistiche in luoghi come San Vittore e gli Edge Festival. Il centro ha vinto un bando del Municipio 6 per la gestione della casa della poetessa milanese per i prossimi cinque anni, grazie al progetto Le stanze di Alda.

Lavorano per lo spazio dedicato alla Merini insieme ad una rete di associazioni: Ebano, Errante e Promise. Si tratta di realtà associative simili e composte quasi esclusivamente da giovani donne, esperte di progettazione sociale, di comunicazione, di teatro, arte e cinema, di reinserimento sociale e lavorativo di persone svantaggiate.

Cetec è il capofila di queste realtà diverse che hanno tutte nel cuore gli stessi obiettivi: inclusione sociale, arte, fotografia, nuovi linguaggi di comunicazione per giovani e donne fragili. Il nome Le stanza di Alda è nato perché il piccolo museo in via Magolfa custodisce le memorie della poetessa, con la sua stanza da letto, con la macchina da scrivere, con il muro su cui scriveva con il rossetto i suoi versi.

L’idea del progetto è avere laboratori continuativi, presentazioni di libri e film, ma soprattutto nella stanza superiore, alcune attrici, anche ex detenute, dal carcere andranno a lavorare negli spazi del museo, saranno le guide di questo museo.
Sarà realizzato anche un museo virtuale, «nella speranza di inaugurare dal vivo la nuova Casa di Alda Merini», spiega Donatella Massimilla.

La casa, ospitando noi e le altre realtà, spera di realizzare un progetto al femminile, ricco di poesia e che si affaccia non solo su via Magolfa e sui Navigli, ma anche su Via Gola, anche nei luoghi altri e con i quali speriamo di intessere relazioni forti. Una rigenerazione umana prima che urbana.

Prendendo le chiavi della casa l’otto marzo e inaugurando il 21, le associazioni sperano di dialogare e intercettare tutte le realtà del territorio.

La casa sarà aperta tutti i giorni perché vuole mostrarsi come punto di riferimento non solo per le donne, ma anche per i giovani, per gli artisti, per le varie associazioni di quartiere. «Vogliamo creare un dialogo. Abbiamo ora la possibilità di costruire insieme percorsi di natura culturale dal basso».

Per l’inaugurazione è prevista la performance Il sogno canta su una corda sola, a cura di Andrea Bianconi con Casa Testori, insieme a 21 artiste, delle quali alcune provenienti dal carcere, mentre altre sono cittadine che lavorano con il Cetec, di diverse età.

Siamo persone innamorate e appassionate del lavoro
trasformativo che l’arte può compiere.

Per seguire la performance online, sperando di potervi partecipare fisicamente, si possono visitare il profilo Instagram a questo link: Profilo di CETEC (@cetecdentrofuorisanvittore) su Instagram • 160 post
Oppure il sito web: Cetec – Centro Europeo Teatro e Carcere (cetecteatro.it), dove poter avere maggiori informazioni sull’evento del 21 marzo e sulle iniziative del Cetec.

Crediti immagine di copertina
Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Milano AllNews è e continuerà ad essere una testata giornalistica ad uso gratuito e libero, ma se vorrete accordarci la vostra fiducia, ci impegneremo sempre più profondamente nel mostrarvi e raccontarvi Milano e la Città Metropolitana nella maniera più completa possibile.
Milano AllNews è social webtv, news, articoli, podcast e longform.
Tutti formati editoriali per costruire un racconto il più completo possibile.

Basta un click e una piccola donazione per dar fiducia a questo nostro progetto condiviso.

Condividi

Archivi