Cerca
13 Luglio 2020
Brutta, brutta storia all’ATM

Brutta, brutta storia all’ATM

azienda dei trasporti ATM e corruzione

Nulla di nuovo. Corruzione, turbativa d’asta, abuso d’ufficio. Una storia come tante, voi direte. No, molto di più. Non è solo un problema di soldi, di tangenti, ma quello che è in pericolo è la sicurezza dei cittadini, di tutti coloro che utilizzano la metropolitana. E, oltrettutto, la vicenda andava avanti da anni, in maniera indisturbata.

Un ufficio dove si poteva fare quello che si voleva. Ma è possibile che una persona sola potesse agire così sfacciatamente per molto tempo? E i dirigenti non controllavano? Il presidente e il consiglio di amministrazione non controllava? E l’assessore di competenza non controllava? Nessuno si è accorto di nulla. Incredibile.
Eppure risulterebbe che le voci girassero. Ed allora? Nulla. Addirittura si era arrivati ad una lista di operai buoni ed operai cattivi. Ovviamente non in base alle capacità, ma alla malleabilità nei confronti delle scelte ben poco corrette del loro capo.

Siamo nella più importante azienda pubblica del comune di Milano. L’azienda dei trasporti, azienda più che storica. Ma evidentemente non suscita grande interesse. Pochi controlli, quindi.
Noi cittadini di questo ci rammarichiamo profondamente. Brutta storia.

Condividi
Roberto Caputo
Scritto da
Roberto Caputo

Archivi