Cerca
26 Agosto 2019
Alessandro Bastubbe

Alessandro Bastubbe

Durante la  puntata di oggi di GoodMorning Milano torniamo a parlare di sovraindbitamento. L’avvocato Alessandro Bastubbe dell’Associazione Ripartire ci parla delle possibili soluzioni a questo problema.

Durante la puntata di oggi parliamo di Rottamazione Ter e della misura Saldo e Stralcio. I due sono provvedimenti molti diversi e rispondono a esigenze differenti.

La misura “Saldo e Stralcio” ha un requisito soggettivo per l’accesso. Il contribuente deve avere infatti un Isee inferiore a 20mila euro; si deve trovare quindi in una situazione di comprovata difficoltà economica. Il cittadino può andare a definire il suo debito con l’agenzia della riscossione, andando a pagare in misura estremamente agevolata il debito complessivamente dovuto. Andrà a pagare infatti tra il 16 e il 35 % del debito totale, tolti gli interessi di mora e la sanzione amministrativa.

Questa misura riguarda i tributi calcolati in base alle dichiarazioni annuali, come l’iscrizione alle casse previdenziali professionali e alla gestione dei lavoratori autonomi dell’INPS.

La Rottamazione Ter è una misura di rottamazione delle cartelle esattoriali. Grazie al Decreto Crescita la scadenza per la presentazione è stata posticipata dal 30 aprile al 31 luglio 2019. La Rottamazione Ter si propone per quei contribuenti che sono in debito con l’Agenzia della Riscossione per alcuni debiti iscritti dal primo gennaio del 2000 al 31 dicembre del 2017. Chi si trova in questa situazione può infatti scegliere se prestare una Rottamazione Ter oppure usufruire della misura chiamata Saldo e Straccio.

La Rottamazione Ter permette al  contribuente di andare a pagare in un’unica sessione oppure diviso fino a un massimo di 17 rate quanto dovuto per capitale, agio di riscossione e per diritti di notifica. Vengono esclusi gli interessi di mora e le sanzioni amministrative.

Questa misura può riguardare tutti i tributi e le imposte, con alcuni paletti di casistica limitata.

Chi ne ha diritto? Può farne richiesta il contribuente che rispetti le condizioni precedentemente accennate e che non ne abbia fatto richiesta nelle precedenti adesioni agevolate.

Condividi

Archivi