Cerca
16 Luglio 2019
Alessandro Basile: quello che la rete ci permette di ricevere sono opportunità

Alessandro Basile: quello che la rete ci permette di ricevere sono opportunità

#MilanoConnessa: persone oltre lo schermo

Sempre più persone lavorano nel mondo del digital.
Ma che cosa vuol dire, esattamente, lavorare nel digital?
Scopriamolo insieme ad Alessandro Basile, consulente legale e formatore.

Ciao Alessandro, grazie per aver accettato di raccontarti ai lettori di Milano AllNews.
Cominciamo con una domanda che ti sarà stata posta milioni di volte, temuta da chi svolge lavori particolari.

E tu, di che cosa ti occupi?
Direi la più classica delle professioni: consulenza legale.
Tuttavia mi piace riscriverla in ottica contemporanea, infatti mi occupo di privacy e nuove tecnologie sia per start-up tutelando il loro sviluppo e supportandole nella crescita, sia di PMI permetto loro di innovarsi attraverso quelle che sono le tecnologie utili per la loro tipologie di business.

Tra le altre cose ho fondato 2 start-up e faccio formazione in università!

Che cosa significa per te lavorare online?
Possibilità di assistere start-up da tutto il mondo, senza che ci siano barriere alla possibilità di conoscere quelli che sono i mercati fuori dall’Italia e come da questi si può prendere spunto per capire come far scalare una start-up e quali siano le necessità degli investitori non italiani.

Com’è nata in te l’idea di scegliere un lavoro in buona parte digitale?
La professione legale nella concezione “classica” con l’avvocato che ha tutte le carte sulla scrivania senza aver spazio per lavorare non mi è mai piaciuta: oltre a non permettere una buona organizzazione, la professione di una volta è stata ampiamente superata tramite l’avvento delle nuove tecnologie.
Per questo motivo, ed anche per interesse personale, ho deciso di intraprendere la professione partendo direttamente dalla versione “digitale” di quello che sarà il futuro della professione legale.

Che cosa significa per te fare rete?
La rete per me ha due diversi facce della stessa medaglia:

  • il lato personale mi permette di fare conoscenze che ampliamo i miei orizzonti e mi fanno conoscere altre realtà a cui non avevo pensato e che si rivelano essere molto interessanti
  • il lato professionale mi permette di conoscere altre realtà e altri business che si affacciano ogni giorno sul mercato e che permettono di comprendere come le realtà che assisto possono svilupparsi

In sintesi, quello che la rete ci permette di ricevere sono opportunità che permettono di migliorarci sia personalmente che professionalmente (credo che un buon professionista debba anche essere una buona persona).

Hai trovato collaborazioni interessanti grazie alla rete?
Decisamente si!
Una delle mie prime collaborazioni in ambito start-up è arrivata attraverso AngelList (ndr portale dedicato alle start-up), da parte di una realtà californiana che ho assistito a distanza.
Durante la parte lavorativa ho avuto modo di comprendere quelli che sono gli aspetti del mondo start-up in California e come mai molti vogliono andare a lavorare li e aprire le proprie attività.

Da dove arrivi e perché hai scelto proprio Milano?
Da dove arrivo è una domanda difficile per me.
Fin dai tempi dell’università ho viaggiato molto e ho avuto molte influenze che mi hanno permesso di ampliare la mia mente e comprendere la realtà in modo diverso da chi è sempre stato nello stesso luogo.

Perché ho scelto Milano?
Molto semplicemente perché è la sede per eccellenza del network che permette di svilupparti in Italia, anche se poi sono spesso in realtà territoriali fuori dalla città, ma che sono molto sviluppate dal lato tecnologico.

Secondo te, che cosa manca a Milano per essere veramente una città moderna?
La cultura dell’innovazione.
Ad oggi si parla molto di innovazione, start-up, blockchain, cryptovalute ecc…, ma quello che ho visto è che sono ancora pochi quelli che comprendono effettivamente di cosa si stia parlando e come far sviluppare i nuovi business, soprattutto per quanto riguarda i giovani innovatori.

Come connettersi con Alessandro Basile:

Sito web: legalds.com
Linkedin: Legalds
Pagina Facebook: Legalds
Instagram: Legalds

Condividi
Join the discussion

Archivi