#96 Ristorante Shri Ganesh

SHRI GANESH

Via E. Lombardini, 8    Tel. 02/58110933  (ch. a pranzo)   Pet friendly   (Consegna anche a domicilio)

Antipasti 3 – 10 euro / Pane 1,5 – 3 euro / I nostri curry 7,5 – 11 euro / Cotti al forno 8 – 16 euro / Riso 3,5 – 12 euro / Birre indiane 4 – 11 euro / Specialità indiane (bevande) 2,5 – 3,5 euro / Menù di carne 25 euro / Menù vegetariano 20 euro / Menù bimbi 14 euro

In zona Navigli, questo bel locale curato nei particolari ha una parete che divide in due la grande sala dall’atmosfera intima e tranquilla. I tavoli sono tutti diversi tra loro e illuminati da lampade ad olio, per cui l’ambiente risulta un po’ buio ma suggestivo. Completano il quadro alcune nicchie con elefanti e altri richiami indianeggianti dai toni pastello e personale in abiti tradizionali.

Considerato il più vecchio ristorante indiano della città, entrando si ha subito una buona impressione in quanto cortesia e gentilezza sono di casa.  La cucina è squisita e le portate sono abbondanti, saporite e assolutamente non pesanti. Riguardo alla piccantezza, invece, basta chiedere ciò che si desidera , a seconda delle proprie esigenze. Tutti i piatti vengono spiegati con attenzione ed è possibile accompagnarli con birra indiana o the speziati dagli aromi più accattivanti.

Inauguriamo la serata con un antipasto misto della casa comprensivo di samosa (fagottini di patate e piselli) davvero deliziosi e serviti con cheese naan (pane al formaggio) altrettanto gustoso. Proseguiamo poi con Chicken Tikka Masala (bocconcini di pollo cotti nel forno tandoori e saltati in padella con karahi masala e spezie), Rogan Josh (agnello in salsa piccante) e Madras Shrimps (gamberetti saltati con pomodoro, semi di mostarda e foglie di curry):

Il tutto viene accompagnato dall’immancabile riso basmati, da pulao ( riso saltato con piselli e zafferano) o da butter naan (pane di farina bianca con ghee).

A fine pasto, i profumati semi digestivi ci permettono di concludere allegramente questo piacevole viaggio nella lontana India ad un rapporto qualità – prezzo interessante.

Ci tornerei? Personalmente amo gustare le cucine di altri paesi e quella indiana è tra le mie preferite, quindi tornerei di certo volentieri per assaggiare altri piatti e provare nuove sensazioni.

Curiosando nei dintorni:

La DARSENA è un bacino acqueo artificiale nei pressi di Porta Ticinese che è stato utilizzato per l’ormeggio e il rimessaggioi delle imbarcazioni che navigavano i Navigli milanesi.

Il bacino sud – occidentale congiunge il Naviglio Grande con quello Pavese, mentre l’imbocco del Cavo Ticinello ha funzione di canale scolmatore della Darsena.  Da un’estremità all’altra, la Darsena misura 750 m. di lunghezza e 25 metri di larghezza per una superficie di 17500 metri quadrati e profondità di un metro e mezzo.

Un tempo Milano aveva altre due “darsene”, il laghetto di S.Marco (interrato tra il 1929 e il 1930 contestualmente agli analoghi lavori di chiusura della cerchia dei Navigli) e il laghetto di S:Stefano (interrato nel 1857 per motivi di igiene pubblica).

Rate This Article

Classe 1991, dottore magistrale in Scienze Filosofiche all'Università degli Studi di Milano. Milano, la città dove è nato, ha studiato e dove lavora, PER la quale lavora. Conduttore di GoodNight Milano, redattore, anchorman.

andrea.sidoti@latw.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: