#136 I Love Poke Milano

I love Poke Milano

Via Tortona, 20   Tel. 02/91.94.91.02  (chiuso mai)

Bowl regular (2 proteine) 9,90 euro / Bowl large (3 proteine) 12,90 euro / Extra 0,50 euro cad. (avocado, mango, mandorle, yogurt alle erbe, etc.)

Si pronuncia “pokè” il piatto di origini hawaiane di grande tendenza oggi a Milano. Significa “tagliato a pezzetti” ed è un mix di ingredienti sani e gustosi. I love Poke è stato tra i primi a lanciare questa moda in città, a partire dal locale in piazza Mercanti, a quello in via Fabio Filzi, fino all’ultimo in via Tortona, l’unico fra i tre in cui sia possibile accomodarsi in una saletta con qualche semplice tavolino, oltre ad alcuni posti al bancone.. La formula infatti è quella del take away, senza servizio ai tavoli e la maggior parte degli avventori sceglie il proprio poke e lo asporta ben confezionato.

Questa sorta di insalatona che arriva da lontane tradizioni delle isole del Pacifico è salutare e saziante: esiste in formula predefinita, oppure è possibile personalizzarla. A base di riso bianco o integrale, insalata, quinoa o metà e metà, si possono scegliere fino a quattro ingredienti tra cui cipolla, zenzero, edamame, mais, ananas, alghe, etc. a cui aggiungere proteine crude o cotte del tipo pesce, pollo, manzo o tofu, il tutto condito da salse a scelta. Solo qui in via Tortona è inoltre possibile assaggiare il “gambero tempura” (gambero al panco, avocado, mango, gomma wakame, salsa teriyaki e spicy maio con sesamo): un mix di sapori leggeri, colorati e freschi da accompagnare a una birra hawaiana.

Il locale è minimal, con finti surf alle pareti e un po’ congestionato negli orari di punta, ma il servizio è comunque veloce e le attese non sono affatto lunghe. A breve aprirà un altro locale in via Turati.

Ci tornerei? Si’, per una pausa pranzo veloce e sfiziosa.

Curiosando nei dintorni:

Spazio Base  –  Via Bergognone, 34

Nel 2016 ha aperto Spazio Base, ex Oca, ex Acciaierie Ansaldo che ora, su progetto di Arci Milano, Avanzi, Esterni, H+, Make a Cube3 e Comune di Milano, sta faticosamente costruendo l’identità di aggregatore di start-up, lavoratori e associazioni culturali.

E’ questo un luogo in cui si sviluppano progetti, dove è possibile interagire con persone che fanno cose analoghe o diverse attraverso un incontro pubblico, lo scambio di pratiche o l’osservazione di montaggi, allestimenti temporanei e mostre. E’ altresì un bar, un centro per eventi di zona, un coworking, un ostello, una sede per residenze artistiche, un luogo per feste e mostre.

Rate This Article
Author

vania@latw.it