#100 Ceresio 7 Pools & Restaurant

CERESIO 7 POOLS & RESTAURANT

Via Ceresio, 7   Tel. 02/31.039.221  (ch. mai)   =Chef Elio Sironi=

Antipasti 20 – 32 euro / Primi piatti 22 – 31 euro / Pesce 36 – 45 euro / Carne 33 – 36 euro / Dolci 13 euro / Menù degustazione (sette portate) 90 euro

Ceresio 7 è una tra le prime terrazze – ristorante della città. In zona Monumentale, nei pressi dei Bastioni di Porta Volta, il ristorante è situato sul tetto della vecchia sede Enel (ora sede di Disquared2) e si affaccia su due grandi piscine speculari utilizzabili nel periodo estivo. Ampie vetrate si affacciano su un balcone che gira tutt’intorno al locale, permettendo di godere di una spettacolare veduta sul nuovo skyline illuminato di Milano.

Conosciuto anche per gli ottimi aperitivi da gustare (ore 18,30 – 21) presso il bancone dell’American bar o ai bordi delle piscine quando la stagione lo permette, il lounge bar rimane aperto fino all’una di notte.

L’ambiente è elegante, molto trendy, dall’arredo moderno in stile newyorkese, composto da diversi spazi con tavoli disposti in modo tale da permettere una certa privacy.

Il locale fa parte di “Ristoranti contro la fame”, campagna indetta allo scopo di donare cibo a tanti bimbi nel mondo. I clienti possono aderire semplicemente scegliendo, in un certo periodo dell’anno, alcuni piatti contrassegnati sul menù e il cui ricavato sarà devoluto in parte all’Associazione contro la fame.

Lo chef è brianzolo, un professionista che dopo aver girato il mondo per anni, ha trovato qui il modo per esprimere appieno le proprie capacità: la sua è una cucina semplice e autentica, ma maniacale nella ricerca delle materie prime. I suoi piatti sono impeccabili, dalla tecnica perfetta, forse non travolgenti ma eleganti e di gusto, in cui appare chiaro  come la contaminazione venga giustamente considerata come una ricchezza.

Dopo un fantastico crudo di ricciola con puntarelle, acciughe e cipolla di Tropea, ci servono un baccalà pil pil con tapioca, porri e cardoncelli, accompagnati da un cestino di pane , focaccia calda e grissini fatti in casa. Davvero interessante la zuppa di ceci, broccoli e tortelli di granchio, seguita da ottimi spaghetti alla carbonara, curcuma e capesante. Tenerissimo l’agnello accompagnato da cicoria bianca, uva e purée di caprino e deliziosi i dolci a fine pasto: lamponi con pere, nocciole e sorbetto di litchi, seguito dal morbido di cioccolato, liquirizia, caffè e lime. Non ultimi, i dolcetti gentilmente offerti a conclusione della serata.

L’accoglienza è stata estremamente professionale e il giovanissimo personale si è dimostrato ampiamente all’altezza.

Carta dei vini interessante, anche se dai ricarichi sostanziosi. Rapporto qualità – prezzo corretto, adeguato a qualità del cibo e location particolare.

Ho riscontrato solo due pecche (a mio parere): i bagni sono molto puliti, ma dei due lavandini presenti nella toilette donne, uno è rotto e l’altro dal meccanismo farraginoso che ne rende difficile l’utilizzo.

Seconda pecca: ultimamente è molto di moda la sua assenza, ma io ne rivendico a gran voce l’utilizzo….la cara, vecchia tovaglia, o un runner, una tovaglietta all’americana, qualsiasi cosa ma non il tavolino lucido ricoperto di ditate!!

Ci tornerei? Volentieri, anche semplicemente per un aperitivo se si riuscisse, in quanto non essendo possibile prenotare risulta davvero difficile accedervi.

Curiosando nei dintorni:

Fondazione Giangiacomo Feltrinelli

Il nuovo edificio, inaugurato nel dicembre 2016, sorge nell’area di Porta Volta tra viale Pasubio e viale Crispi. Si sviluppa su circa 2700 metri quadrati su cinque piani ed è affiancata da un edificio di Microsoft. Il progetto architettonico è firmato dallo studio internazionale di architettura Herzog & de Meuron. Il pianterreno ospita una libreria Feltrinelli, il primo piano è occupato da una sala polifunzionale per proiezioni ed eventi vari, il secondo e terzo sono destinati ad uffici e aule per incontri e seminari. All’ultimo piano è situata la sala lettura della biblioteca, con postazioni multimediali. In programma la realizzazione di un’ampia area verde pubblica unitamente a salvaguardia e valorizzazione dei resti delle  mura spagnole e implementazione di piste ciclopedonali.

Rate This Article
Author

vania@latw.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: